sabato 6 luglio 2013

OpenGeek - quando evitare di fare articoli (di merda)

In questo periodo di parla tanto dei pessimi articoli che riescono a sfornare tanti giornalisti, e di come alcuni blogger invece riescano a fare degli ottimi pezzi. Ecco, oggi voglio far vedere che altri blogger riescono a fare degli articoli di merda, tanto che potrebbero essere assunti da alcuni giornali.

OpenGeek è un blog che tratta di GNU/Linux, Android, Windows e simili...a quanto pare non si sono riusciti a trattenere e hanno dovuto fare un bel articolo (di merda) sulla tossicità dei cellulari.

In questo articolo viene specificato che (cito):
  • Un aumento del 400% del rischio di contrarre tumori al cervello per adolescenti. Nel caso di bambini il rischio aumenta in quanto la calotta cranica non è ben sviluppata ed è ancora molto sottile
  • L’ uso del cellulare per più di 30 minuti al giorno, per un tempo di 10 anni aumenta notevolmente il rischio di contrarre tumore al cervello o neuroma acustico
  • Inibizione della fertilità maschile: produzione di sperma diminuita del 30% per gli uomini che usano spesso il cellulare
  • Le frequenze usate dai cellulari causano la formazione di radicali liberi all’ interno del corpo, che aumentano la possibilità di contrarre tumori
  • Stimolazione di infezioni e risposte allergiche/infiammatorie con conseguente nascita di piaghe, eruzioni cutanee e lesioni di vario tipo
  • Aumento della temperatura oculare, con conseguente perdita graduale della vista
  • Indebolimento del sistema immunitario
  • Causano disturbi del sonno e malattie come Parkinson e Alzheimer
E che ovviamente sono ancora in vendita per interessi economici.
L'articolo è fatto male perchè:
  1. non vengono indicate le fonti: dove hanno preso questi dati?! Se non vengono indicate le fonti è semplice inserire una notizia vera, con una mezza vera, con una assolutamente falsa, confondendo i lettori invece di informare
  2. Notizie False:
    • [...] Henry Lai, nel 1993 aveva da poco ultimato una ricerca dai risultati a dire poco sorprendenti: i ratti esposti per sole due ore alle onde del cellulare presentavano tratti di DNA interrotto [...] Poco tempo dopo un’ altro ricercatore, Jerry Phillips [...] aveva eseguito le stesse ricerche di Lai, ma su del DNA umano:  i risultati confermavano un danno del DNA esposto ai campi di frequenza del cellulare.
      • In PubMed  dove è contenuta tutta la letteratura medica scientifica (più o meno buona), dove si informano tutti i ricercatori, non c'è traccia di questi due signori e dei loro esperimenti. Quindi questa notizia è falsa. Purtroppo è difficile verificare le altre senza fonti.
  3. Cancellare i commenti: Avevo lasciato un commento critico in fondo all'articolo, (più soft di quello che ho scritto ora), che è stato cancellato senza batter ciglio. Questo per me sta solo ad indicare la mala fede dell'autore.
EDIT: il commento ora appare nella pagina del blog.

Come stanno i fatti:
L'agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), che fa parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, a Maggio 2011, a causa della crescente presenza di prove che collegano l'uso del cellulare per lunghi periodi all'aumento delle possibilità di sviluppare particolari tumori, ha inserito le onde elettromagnetiche nella categoria 2b. Cosa vuol dire?
Le categorie sono queste:
Group 1 Cancerogeni per l'uomo 111 agenti

Group 2A Composti che molto probabilemte sono cancerogeni   65

Group 2B         Composti che sono possibili Cancerogeni per l'uomo 274

Group 3 Non classificabile come Cancerogeni per l'uomo            504

Group 4 Probabilmente non cancerogeno      1

Ma quindi l'articolo di OpenGeek aveva ragione?!
Eh no! L'articolo di OpenGeek tratta i cellulari come se appartenessero al 1 Gruppo. Invece nel gruppo 2B (che è due gruppi più sotto) mancano ancora molte prove ed esperimenti chiari per essere classificati come cancerogeni. Questi tipi particolari di esperimenti (associazione Uso Cellulare/sviluppo di tumore) sono molto complessi, e i tumori potrebbero svilupparsi a causa di altri motivi (non conosciuti).
Per esempio in questo articolo di aprile 2012 (presente su pubmed) hanno provato a ripetere gli esperimenti di associazione fra uso del cellulare e tumori del cervello, ma non hanno riscontrato questa associazione.

La situazione è complessa, e un articolo complesso crea una maggiore e migliore informazione...non come quelli di OpenGeek!



2 commenti:

  1. Bene. Iniziamo a sfatare qualche affermazione che l' autore di questo miserabile blog, pensando di seguire blog/siti di tecnologia e possedendone uno vuole essere un master, "il giustiziere della rete".
    1) Il commento non è stato cancellato, è semplicemente in attesa di approvazione come tanti altri. Al posto che dire cazzate, tenere a freno la lingua. (Scattata foto per sicurezza, invio su richiesta)
    2) Documentario completo di Report che parla di questi argomenti. Gran parte del' articolo è preso da li: http://www.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-dbe508b1-0a45-4bfa-8252-a727bbeb2efd.html
    Assumendo che report sia un grande e ben fatto programma di inchiesta/giornalismo.
    3) Evidentemente non è stata letta la parte 1: http://www.opengeek.it/linux/la-tossicita-dei-cellulari-parte-1/ e quindi anche qui essendo in possesso di un dottorato ci si crede gli intelligentoni della situazione
    4) antroimpatto.blogspot.it è il sito dal quale sono stati presi gli altri dati, insieme a numerosi testi di microbiologia e di chimica strumentale.
    5) Un blog di tecnologia parla di tecnologia, si da il caso che i problemi possibilmente causati da un apparecchio tecnologico possano rientrare come oggetto nella stesura di un articolo.

    Arrivederci, dottore caro.

    RispondiElimina
  2. Ciao Stef e benvenuto su questo miserabile blog :) !!!
    1) Su questo miserabile blog il diritto di critica è permesso, infatti il tuo commento è visibile. Il mio su OpenGeek ancora no. Sarò lieto di aggiornare l'articolo nel momento in cui succederà...
    2) Il documentario di Report (che non ho visto, ma che procederò a vedere immediatamente), se fatto bene riporta le fonti. Perchè non le avete riportate?!?
    3) La seconda parte è un articolo è un articolo a se stante, come può leggere qualsiasi utente, e fornisce informazioni forvianti. Non c'è bisogno di essere intelligenti per capirlo...
    4) antroimpatto.blogspot.it è un sito non scientifico, dove si parla di tante cose non vere (come le scie chimiche), non è quindi una fonte attendibile.
    5) Assolutamente sì, ma come ho indicato in questo articolo, è stato fatto male, riportando dei fatti NON veri.

    Arrivederci.

    RispondiElimina